a cura di Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cassazione civile, sez. unite, 13 marzo 2018, n. 8985
Il concetto di progressione verticale

La decisione in esame trae origine dalla contestazione di una graduatoria relativa alla selezione interna per il passaggio di livello. Come noto il comparto EPR - Enti di ricerca disciplina il peculiare rapporto di ricercatori e tecnologi. Entrambi i profili sono articolati su tre livelli originariamente disciplinati dal D.P.R. 12 febbraio 1991, n. 171. Recepimento delle norme risultanti dalla disciplina prevista dall'accordo per il triennio 1988-1990 concernente il personale delle istituzioni e degli enti di ricerca e sperimentazione di cui all'art. 9 della legge 9 maggio 1989, n. 168. Ai fini del contenzioso preliminare appare individuare il corretto riparto di giurisdizione che sarà diverso a seconda che si configuri detto passaggio di livello come "progressione verticale", che segue le regole della giurisdizione amministrativa o come mera progressione orizzontale all'interno di Aree omogenee. E’ dunque di acclarata evidenza che la risoluzione di una questione eminentemente tecnica come quella dell’individuazione della corretta sede giurisdizionale si basi su una impostazione di natura sostanziale (se sia progressione verticale o orizzontale). Fondamentale appare il ragionamento secondo cui per  "procedure concorsuali di assunzione" - attribuite alla giurisdizione del giudice amministrativo, perché ascritte al diritto pubblico ed all'attività autoritativa dell'amministrazione - si intendono non soltanto quelle preordinate alla costituzione "ex novo" dei rapporti di lavoro (come le procedure aperte a candidati esterni, ancorché vi partecipino soggetti già dipendenti pubblici), ma anche i procedimenti concorsuali interni, destinati a consentire l'inquadramento dei dipendenti in "aree" funzionali o categorie più elevate, con "novazione oggettiva" dei rapporti di lavoro. … Restano invece devolute alla giurisdizione del giudice ordinario le controversie relative a procedure riguardanti le progressioni all'interno di ciascuna area professionale o categoria, sia che riguardino l'acquisizione di posizioni più elevate meramente retributive, sia che si riferiscano al conferimento di qualifiche (livello funzionale connotato da un complesso di mansioni e di responsabilità) superiori (art. 52, comma 1, del d.lgs. n. 165 del 2001), perché esse sono regolate da procedure poste in essere dall'Amministrazione con la capacità ed i poteri del datore di lavoro privato. Chiarito ciò va dunque analizzato se il passaggio da un livello professionale a quello immediatamente superiore comporti una novazione oggettiva o meno. Ebbene, ribaltando il precedente orientamento giurisprudenziale e secondo un’interpretazione testuale le sezioni unite affermano che l'art. 15 del CCNL del 7 aprile 2006 ha introdotto per la prima volta l'unicità dell'organico dei ricercatori prevedendo una disciplina conforme ai principi stabiliti dal d.lgs. n. 165 del 2001. Lo stesso dicasi per i tecnologi profilo caratterizzato, anch’esso, da un'omogenea professionalità e quindi da un unico organico, articolato su tre livelli, denominati: 1 - Dirigente tecnologo; 2 - Primo tecnologo; 3- Tecnologo. Quindi, si ribadisce il carattere innovativo dell'art. 15 cit. e la non configurabilità come "progressione verticale" in senso proprio della selezione di cui si tratta.